Il conto di deposito è quello che in termine tecnico e finanziario viene definito come un contratto bancario analogo a un conto corrente, ma limitato alla semplice funzione di deposito di denaro remunerato come accade con il conto Illimity (Sito Ufficiale).

Miglior conto deposito

Si tratta di un investimento che ha di solito la natura del breve termine, anche se la sua massima rendita la vede nel lungo termine. Solitamente è un tipo di deposito limitato nelle operazioni relative al prelievo e la versamento.

La domanda che ci andiamo a porre è quale sia il miglior conto deposito.

Nel nostro testo andremo a parlare proprio di questo, andando a vedere quali sono le migliori soluzioni di mercato offerte dalle banche, e quali siano le cose da osservare quando si decide di aprire un conto deposito. Vedremo conti deposito “tradizionali”, ma anche quelli innovativi e funzionali come nel caso di N26 (Sito Ufficiale).

Miglior conto deposito Giugno 2022

Una volta spiegato a grandi linee cosa sia un conto deposito, andiamo a vedere nel dettaglio le proposte che alcune fanno all’utenza finale in merito a questo tipo di prodotto.

N26

Quello che viene proposto da N26 (Sito Ufficiale) non è il classico conto deposito proposto dalle banche in generale, ma si tratta di un sistema di risparmio molto ben congeniato.

Si tratta nello specifico di andare a porre i capitali in quelle che vengono chiamate “stanze”, nelle quali il denaro è separato dalla cifra depositata sul conto corrente.

[n26]

Quello che c’è da sapere è che in base al piano tariffario, si può spostare denaro negli spazi sia manualmente che automaticamente. Quest’ultima prevede di mettere un trasferimento fisso e programmato a cadenza mensile, oppure l’arrotondamento delle spese (parliamo degli spiccioli).

Il sistema di N26 (Sito Ufficiale) prevede che, ad ogni pagamento effettuato, l’importo venga arrotondato alla cifra intera successiva e l’eccedenza trasferita nello spazio scelto.

llimity

Su Illimity (Sito Ufficiale) la proposta è quella di un classico conto deposito vincolato, il quale interesse riconosciuto varia e cresce in maniera proporzionale al periodo di vincolo che si va a scegliere.

[illimity]

Ecco le varie rendite:

  • Vincolo 6 mesi: 0,60 percento.
  • Vincolo 12 mesi: 1.00 percento.
  • Vincolo 18 mesi: 1,20 percento.
  • Vincolo 24 mesi: 1,30 percento.
  • Vincolo 36 mesi: 1,48 percento.
  • Vincolo 48 mesi: 1,60 percento.
  • Vincolo 60 mesi: 1,70 percento.

Come tutti i conti deposito il guadagno c’è nel lungo termine, ma vista la differenza di fatto minima tra un tasso di interesse e l’altro, chi non ha grandi pretese lo utilizza come investimento nel breve termine.

Rendimax

Si tratta di uno dei gruppi bancari che permette di aprire sia un conto deposito libero, che uno vincolato.

Nel primo caso si possono ritirare le somme depositate in qualsiasi momento e il tasso di interesse massimo al quale si può arrivare è dello 0,40 percento.

Quello vincolato è chiaramente quello maggiormente redditizio, in quanto i capitali versati non possono essere più ritirati prima dello scadere del vincolo, pena il pagamento di una penale e la perdita degli interessi futuri.

Qui il tasso di interesse può arrivare fino all’1,75 percento annuo lordo, e il capitale che si va a depositare è assolutamente al sicuro, in quanto garantito dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi fino ad un importo massimo di 100.000 euro.

Rendimax permette di sottoscrivere fino a 20 vincoli diversi, e tra due modalità di liquidazione degli interessi.

Che Banca

Il sistema di gestione del conto deposito su Che Banca è decisamente innovativo e diverso dalle classiche opzioni offerte da altri istituti bancari. Infatti, si possono vincolare somme a partire da 100 euro e con una durata di 3, 6 o 12 mesi. La cosa che caratterizza di più questa proposta è il fatto di corrispondere gli interessi in anticipo che vengono accreditati sul proprio conto corrente al momento dell’apertura del conto deposito.

Qui il cliente potrà scegliere tra due opzioni, la prima è quella di prelevare subito la quota interessi, la seconda è quella di lasciarli sul conto insieme alla quota capitale. In questo modo l’eccedenza contribuisce a generare interessi maggiori nel tempo.

Nel caso si abbiano in previsione spese nel breve tempo, è possibile decidere di lasciare libera la liquidità, la quale viene remunerata al tasso annuo base. Infine, il cliente potrà anche decidere di effettuare più vincoli con diversa scadenza.

Come scegliere un conto deposito e la giusta banca, alcuni consigli

Quando si deve andare a scegliere un conto deposito e la banca su cui aprire tale conto deposito, si devono tenere in considerazione degli elementi ben precisi, ecco di quali parliamo.

Occhio alle spese

Aprire un conto deposito solitamente è un’operazione che viene fatta senza applicare costi. Facciamo attenzione però al discorso conto corrente.

Siccome per aprire un conto deposito si deve essere correntisti, è bene accertarsi che l’apertura del conto corrente sia anch’essa priva si qualsiasi spesa.

Conto deposito libero e vincolato

Sebbene quello vincolato siamo tutti d’accordo sia quello migliore in fatto di tasso di interesse, non è detto che tutti abbiano la possibilità di tenere fermo un capitale senza che vi sia la necessità di ritirarlo in anticipo. Per questa ragione è essenziale andare a scegliere una banca che permetta di aprire conti deposito sia liberi che vincolati.

Filiale o online

Partiamo dal presupposto che in entrambi i casi le caratteristiche specifiche del conto deposito rimangono le stesse.

C’è da dire però che, se si sceglie la via del web per sottoscrivere un conto deposito, si troveranno banche online che offriranno sconti o promozioni per la sua apertura.

Rendimento

E’ ovvio che il rendimento finale del conto deposito è l’elemento principale su cui ci si deve basare.

Lo scopo è quello di ottenere una rendita futura, più questa è alta e meglio sarà al momento di riscattare il capitale alla scadenza del vincolo. Per questa ragione, nel caso in cui non sia necessario accedere al capitale depositato prima del tempo, la via del conto deposito vincolato è quella migliore.

All’interno di questo aspetto si dovrà cercare un conto deposito che offre il tasso di interesse maggiore.

Sicurezza

Dopo il precedente, o forse anche assieme ad esso, questo è probabilmente l’aspetto più importante.

Un conto deposito, specialmente se vincolato, deve essere sicuro e garantito al 100 percento dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.

Inoltre, anche la banca stessa che lo offre alla propria clientela, deve essere autorizzata ad operare sul territorio italiano dai principali organi di controllo finanziario.

Apri un conto deposito sicuro e a zero spese con Illimity, vai al Sito Ufficiale >>